CAMPAGNOLO NUOVO RECORD 67

Nuovo_Record_01

Il Campagnolo Nuovo Record venne introdotto nel 1967, come innovazione del precedente cambio Record. Prodotto in alluminio e non più in bronzo, diventò presto uno dei gruppi più di successo di tutta la storia di Campagnolo.

Nel 1968 si iniziò a produrre, con il nuovo gruppo, anche le leve dei freni e i freni (che nei primi modelli non riportavano la scritta “Campagnolo” sulle pinze), oltre ad apportare alcune modifiche al deragliatore e alla guarnitura. In particolare la guarnitura fu modificata così da avere i fori di fissaggio delle corone più vicini: la corona minima utilizzabile divenne così quella da 41 denti, tuttavia Campagnolo produsse per molti anni come corona più piccola la 42, introducendo il nuovo standard di corone adottato fino a fine anni ’80.

Il Nuovo Record venne marchiato con l’anno di produzione a partire dal 1970, con la scritta “Pat. XX” in prossimità dell’entrata del cavo nel cambio stesso. Le prime versioni sono semplicemente marchiate “Patent”. Anche le pedivelle adottarono un codice per il riconoscimento dell’anno, con un numero in un rombo, corrispondente all’anno di produzione nel corso degli anni ’70 (il numero nel circoletto indica invece una produzione negli anni ’80). Le guarniture Nuovo Record si distinguono da quelle del Super Record per il fatto che la corona grande ha un anello di rinforzo circolare all’altezza dei bulloni di fissaggio.

I mozzi vennero marchiati Record, per distinguerli dai mozzi Nuovo Tipo del gruppo Nuovo Gran Sport e vennero prodotti sia a flangia bassa sia a flangia alta, anche nella versione da pista.

La serie sterzo era caratterizzata dalle calotte in acciaio cromato, mentre il reggisella presentava la particolarità delle due viti fissate nella parte alta tramite un apposito attrezzo, permettendo una regolazione molto precisa della posizione della sella.

Venne sostituito come top di gamma nel 1973 dal Super Record, tuttavia rimase in catalogo fino al 1986 ed ebbe un grosso successo commerciale per la sua altissima qualità dei componenti e dei movimenti.

VIMEO or/and YOUTUBE

for free use

Vimeo
500MB per week of upload space, 1 HD video upload per week
Up to 10 video uploads per day 1 Channel, 1 Group and 3 Albums
Ability to download converted files
Robust privacy controls, Basic embedding features
Huge street cred

Youtube
Up to 20GB of video space and
more than 15min per video
HD and D-Cinema (4096×3072)
Easy to Use !!
not the first one, butthe most popular video sharing website

different sites for different users and uses

ENG

Both sites are video sharing networks that allow users to sign up, upload videos for free, and participate in the communities. Of course, both sites have different worths and weaknesses. First thing you need to think about your main goals for your film.If our goal is to get as many clicks and views as possible, than perhaps YouTube might be a better resource, but we must consider that there will be thousands of clicks from people "undifferentiated" and not by hundreds of users who are truly certainly interested in our "product." Vimeo with its smaller market is however much more focused in people that are looking for creative, professional and customized films. Certainly YouTube excels in its researches, and some people can stumble on your video even haphazard, however I think that Vimeo has a clearer  interface with no visual distractions. Using “them” according to your needs and your goals will be a satisfaction.

ITA

Entrambi questi siti web, sono sistemi di “condivisione video” che permettono ai propri utenti di registrarsi, caricare video gratuitamente e partecipare o formare gruppi e comunities. Sicuramente entrambi i siti hanno punti di forza ma anche debolezze. La prima cosa da valutare dovrebbe essere l’ individuazione dello scopo del nostro upload, il “nostro obiettivo”. Se stiamo caricando video con il fine di avere più visualizzazioni possibile forse YouTube potrebbe essere una risorsa migliore, ma dobbiamo considerare che ci saranno migliaia di click da parte di persone “indifferenziate” e non, forse come vorremmo, da parte di centinaia di utenti realmente interessati alla nostro “prodotto”. Vimeo con il suo mercato più ridotto è tuttavia maggiormente concentrato su persone che cercano “film” creativi, professionali e personalizzati. Sicuramente YouTube eccelle per le sue ricerche e molte persone possono incappare nei tuoi video perfino in modo casuale, tuttavia io penso che Vimeo ha un’interfaccia pulita e senza distrazioni visive. Usarli  in base alle vostre esigenze e ai vostri obiettivi sarà una soddisfazione.

;-)